giovedì 12 giugno 2008

Dell'Italia, di facebook e di altre sciocchezze.

Sono assente dal mio blog da un sacco di tempo. Lo so. Non me ne vogliate cari lettori, ma da quando sono tornato dal Texas l'istinto da scriba è un po' appannato. Il fatto è che non mi vengono idee per scrivere qualcosa qui nel mio blog. Inoltre tante altre cose mi hanno portato via da questo mio piccolo spazio azzurrino. Ho scoperto facebook. O meglio, mi sono iscritto a facebook. Chi lo conosce sa che FB può essere una droga. Ed io, da tecondipendente quale sono, ci sono caduto in pieno: ho passato giornate intere a perdere tempo su quel singolo sito, trascurando molti dei miei quotidiani appuntamenti virtuali, cercando persone assolutamente improbabili che non vedo e non sento da decenni e frugando nei meandri di quella grande, grandissima rete che è facebook. Adesso, passata la sbronza iniziale, mi sono normalizzato: lo controllo ogni tanto e la mia vita sul web ha ripreso il suo corso. In compenso, però ho ripreso contatti con persone che non vedevo da parecchi anni.
Bello.
Poi è stata la volta di Last.fm. E questo mi sento di consigliarlo a tutti: porta via poco tempo e fa scoprire tanta musica, che è sempre cosa buona.
Poi sono iniziati gli Europei. Non sono un gran tifoso, ma aspetto con ansia la prima partita dell Italia (la partitella Olanda-GorgonzolaDiSotto non ha propriamente soddisfatto le mie velleità da calciospettatore).
E tutto questo è stato condito da:
  1. Infinite noiosissime scadenze di convegni e convegnucci, che mi son costate tempo e sonno.
  2. Infinite agghiaccianti notizie e notiziuole sul fronte politico italiano, che mi son costate acidità di stomaco è qualche anno di vita in incazzature.
  3. Infinite prove, provette e provole per la momentaneamente intensissima attività del coro, che mi sta portando via eoni di tempo e di sonno. Nonché gran parte della mia sanità mentale, visto che da quando ho comprato il diapason prendo la nota pure per suonare il campanello.
  4. L'uscita della quarta edizione di DangionsenDregons (Dangioni e Dragoni, in Italiano), che, tanto per cambiare mi ha portato via ore e ore di sonno spese a leggere a letto. E che ancora non sono riuscito a provare.
Capirete bene che le uniche cose che mi vien voglia di pubblicare sul blog sono i testi delle canzoni che sento e che si adattano al mio umore del momento. Anche perché di che cosa dovrei mai parlare, visto che dell'Italia e del punto 2 di cui sopra è stato detto più che tutto, mentre dei punti 1,3 e 4 probabilmente non frega a nessuno?
Va bene, lo ammetto, sto solo cercando scuse: ho semplicemente sonno, sonno sonno. Ma ci sono sempre e il mio blog non muore. Semplicemente si addormenta di tanto in tanto.
Beato lui.
Stay yawned,
M

14 commenti:

fudo ha detto...

Mmm. Il dizionario Hazon Garzanti riporta "dongione" tra le traduzioni di dungeon. Solo che tale lemma non è presente né nel dizionario italiano Garzanti, né nel De Mauro. Boh.

Se non sai cosa postare, ci sarebbero sempre le foto sul New Mexico…

MiKo ha detto...

Ho detto che non so cosa scrivere. C'è una bella differenza...

nonsisamai ha detto...

che carino che ti giustifichi!
lo sappiamo che non muore, non preoccuparti.
per fortuna c'e' il reader!! ;)

nonsisamai ha detto...

ah comunque facebook a me non ha fatto questo effetto. bho.
si', carino, ma non mi ha conquistato del tutto anche perche' poi ho visto che e' capitato di risentire qualcuno bene, ma spesso non ci si manda nemmeno un messaggio personale dopo tanto tempo. e' come tenere un filo fra noi, ma in realta' non avere nessuna voglia di impegnarcisi.
anche perche' se no detto fra noi, molte persone si sarebbero potute ricercare in altri modi o semplicemente non perdere.
no?

MiKo ha detto...

Sì e no. Capita di perdere contatti, e poi ho beccato persone che proprio non sarei riuscito a trovare in altro modo. Son d'accordo: non è la fine del mondo e passato il primo momento, come in tutte le mie cose, l'entusiasmo è un po' svanito, ma mi fa piacere che ci sia. Trovo che sia bello poter averlo, quel filo. E poi sto mettendo su la pagina per il (uno dei) mio coro. Così posso avvertire in modo semplice diverse persone di dove come e quando canto... :)

Caterina ha detto...

concordo sulla dipendenza per facebook..eheh :-D

MiKo ha detto...

@caterina Eh, già. Comunque benvenuta (o eri già passata? boh, sarà l'età che avanza...)

Caterina ha detto...

scusa le brutali maniere...piacere! ero già passata qualche volta, però non avevo mai lasciato commenti...

MiKo ha detto...

Ma figurati! Per il solo fatto che passando dal tuo blog ho scoperto la "mutanda di Miranda" meriteresti un premio...

Caterina ha detto...

bè bè bè, la mutanda di miranda è ormai un classico! ahah! quella ragazza secondo me è un genio! :-D

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)