martedì 29 novembre 2011

Donazioni...

Una domanda per i miei lettori (anche se non sto scrivendo più: c'è un preciso motivo meteorologico per questo).

Mi è venuto in mente che non ho mai donato nulla a un'organizzazione no-profit senza che ci fosse una particolare emergenza o senza un motivo preciso.

Quest'anno mi sento ispirato e voglio fare una piccola donazione monetaria.

Ma sono indeciso sul destinatario. Voi che proponete?

Le regole sono:


  1. Niente organizzazioni religiose o dipendenti da un'istituzione religiosa.
  2. Organizzazioni ben riconosciute e trasparenti nel loro impiego delle donazioni.
  3. Possibilmente niente organizzazioni troppo locali.
Sappiate che MSF, Amnesty, Unicef, WWF e Greenpeace mi sono già venute in mente, quindi dovrete sforzarvi un po' di più.

L'ideale sarebbe qualcosa orientato all'alfabetizzazione scientifica o cose del genere, ma fate un po' voi.

Aspetto consigli,
M

domenica 20 novembre 2011

Consigli per gli acquisti?

Si avvicina il Natale e come sempre, vengo sempre più pressato dalle richieste dei parenti che mi chiedono cosa regalarmi.

Il che sarebbe perfettamente normale e anche piacevole, se non fosse che a partire dal 15 novembre circa fino alla fatidica notte vengo colto da un irresistibile blocco mentale che mi fa irrimediabilmente dimenticare tutte le varie cose che nel corso dell'anno ho visto e mi sono appuntato come "regali da chiedere a Natale".

Quest'anno, però ho un asso nella manica.


giovedì 17 novembre 2011

L'Italia attraverso facebook

Qualche giorno fa, prima che Monti andasse al Colle (visto che Maometto non andava ai Monti)  leggevo un po' i vari aggiornamenti di stato su facebook, come faccio fin troppo spesso.

E, per quanto facebook non sia certamente un campione statistico significativo, mi è balzata agli occhi una cosa, certamente non particolarmente profonda, ma che voglio condividere qui.

Vi avverto: è un flusso di coscienza piuttosto disordinato che non ho voglia di rileggere o di correggere, quindi potrebbe essere un po' faticoso da seguire e forse anche un po' sconclusionato.


domenica 13 novembre 2011

Educazione civica. Un ripassino.

Doveva essere l'ultimo post della serie "casalinga", ma sento l'esigenza di ricordare un paio di cose.

L'Italia è una repubblica parlamentare: il popolo italiano, attraverso il voto, elegge i membri del parlamento.

Il Presidente della Repubblica ha il potere e il dovere di presentare un Presidente del Consiglio (che avrà scelto i suoi ministri) al parlamento (eletto dal popolo). Il parlamento eletto dal popolo ha la possibilità di accettare il Presidente del Consiglio presentato dal capo dello Stato o di rifiutarlo, mediante il voto di fiducia.
E se il Presidente del Consiglio non ottiene la fiducia del parlamento eletto dal popolo, va a casa, indipendentemente dal fatto che sia stato mandato lì dal popolo, dalle banche, da Babbo Natale o da Dio in persona.

Il Presidente della Repubblica ha il potere e il dovere di sciogliere le camere e di indire elezioni anticipate se non trova altre strade, per il bene dell'Italia.


In nessun passaggio, mi sembra, il popolo ha la possibilità di scegliersi direttamente il Presidente del Consiglio, tanto meno con questa legge elettorale. Io, ad esempio, alle ultime elezioni avrei certamente voluto esprimere altre preferenze rispetto a quello che è stato eletto e al "capo del principale schieramento avversario" (sto scambiando i ruoli, lo so).

Se Monti dovesse riuscire a fare un governo e a voi non sta bene, prendetevela con la "dittatura del parlamento", non con quella delle banche e votate meglio alle prossime elezioni.

Dittatura/colpo di Stato sarebbe se Napolitano sciogliesse le camere e imponesse un suo governo e un suo parlamento.

In questo caso si tratta di democrazia, democrazia italiana per essere precisi.

Le regole sono le stesse da parecchio tempo, se pensate siano sbagliate, forse era il caso di cambiarle prima.

Nel frattempo io ho gioito ieri sera per una notizia che aspettavo da tempo, oggi seguo le cose per sapere come va a finire, domani comincerò (comunque vada) a piangere lacrime e sangue.
È inevitabile.

Sperando di non versarle invano.

Stay tuned,
M

sabato 12 novembre 2011

Un primo passo necessario

video
10 Minuti di follia.

Questo è il tempo che voglio concedermi per festeggiare selvaggiamente l'annuncio che ho aspettato per mesi e mesi.

Poi prometto di tornare a preoccuparmi sapendo che non è cambiato nulla, ma (ricordate?)

un primo

passo

necessario.

Stay tuned and rejoice,

M

PS: Questo post è stato nelle mie bozze per diversi giorni. Sempre troppi, ma che soddisfazione poterlo pubblicare.

PPS: Il video è di un mio amico, un bravo flautista napoletano che mi ha prestato questo suo vecchio video per l'occasione particolare.

Walking man

Terzo post della serie "Casa/Sentirsi a casa".


Il post di Gio.


Gio, che ho conosciuto grazie a un commento qui parecchi mesi fa, è il prolifico autore di un bel blog in cui parla di donne (con una prospettiva tutta sua), musica classica, politica e della sua personalissima esperienza di cervello in fuga.


Fateci un giro, ne vale la pena.


M


giovedì 10 novembre 2011

Sentirsi a casa

Il post di Arianna. Anche lei tra gli autori de "I punti di vista" e autrice regolare del bel blog collettivo "Aironi di carta", che vi consiglio vivamente.


Come vedrete, molto diverso dal post precedente.


M



martedì 8 novembre 2011

Cercansi Acrostici per Spiegare Eziologie

Ovvero, il post di Lorenzo, uno de miei amici più antichi, a cui spetta l'onore di aprire questa miniserie a tema casalingo. 
Lorenzo attualmente (come leggerete) vive in terra elvetica e ha tenuto per qualche mese un blog che mi ha fatto ridere, pensare, leggere e, data la sua prolificità, perdere un sacco di tempo.
Imperdibile la serie "Doomed".
Poi ha smesso.
Se volete convincerlo a ricominciare a scrivere, non vi resta che andarlo a trovare QUI
Buona lettura,
M

lunedì 7 novembre 2011

MiKo's Blog Experiments

E va bene, l'ho annunciato, rimandato, sono sparito, ma a questo punto, con ben più di una settimana di ritardo rispetto a quanto avessi previsto, non mi resta che spiegare di che si tratta.

Qualche settimana fa ho deciso, come vi ho già detto, di iniziare a sperimentare con il mio blog, di fare cose che non avevo mai fatto prima e di cominciare a mettere in pratica le migliaia di parole che ho letto a tema blogging.

Per cui, per la prima volta su MiKo's World, ho il piacere di annunciarvi l'arrivo di...

...Rullo di tamburi...


sabato 5 novembre 2011

mercoledì 2 novembre 2011

Lavori in corso

Per ragioni tecniche, per un paio di giorni il blog potrebbe non essere raggiungibile.

Stay tuned,
M