domenica 13 novembre 2011

Educazione civica. Un ripassino.

Doveva essere l'ultimo post della serie "casalinga", ma sento l'esigenza di ricordare un paio di cose.

L'Italia è una repubblica parlamentare: il popolo italiano, attraverso il voto, elegge i membri del parlamento.

Il Presidente della Repubblica ha il potere e il dovere di presentare un Presidente del Consiglio (che avrà scelto i suoi ministri) al parlamento (eletto dal popolo). Il parlamento eletto dal popolo ha la possibilità di accettare il Presidente del Consiglio presentato dal capo dello Stato o di rifiutarlo, mediante il voto di fiducia.
E se il Presidente del Consiglio non ottiene la fiducia del parlamento eletto dal popolo, va a casa, indipendentemente dal fatto che sia stato mandato lì dal popolo, dalle banche, da Babbo Natale o da Dio in persona.

Il Presidente della Repubblica ha il potere e il dovere di sciogliere le camere e di indire elezioni anticipate se non trova altre strade, per il bene dell'Italia.


In nessun passaggio, mi sembra, il popolo ha la possibilità di scegliersi direttamente il Presidente del Consiglio, tanto meno con questa legge elettorale. Io, ad esempio, alle ultime elezioni avrei certamente voluto esprimere altre preferenze rispetto a quello che è stato eletto e al "capo del principale schieramento avversario" (sto scambiando i ruoli, lo so).

Se Monti dovesse riuscire a fare un governo e a voi non sta bene, prendetevela con la "dittatura del parlamento", non con quella delle banche e votate meglio alle prossime elezioni.

Dittatura/colpo di Stato sarebbe se Napolitano sciogliesse le camere e imponesse un suo governo e un suo parlamento.

In questo caso si tratta di democrazia, democrazia italiana per essere precisi.

Le regole sono le stesse da parecchio tempo, se pensate siano sbagliate, forse era il caso di cambiarle prima.

Nel frattempo io ho gioito ieri sera per una notizia che aspettavo da tempo, oggi seguo le cose per sapere come va a finire, domani comincerò (comunque vada) a piangere lacrime e sangue.
È inevitabile.

Sperando di non versarle invano.

Stay tuned,
M

2 commenti:

Gio ha detto...

Niente da aggiungere.

Baol ha detto...

Concordo con l'esimio collega qui sopra